Si conclude il Piano Marshall: ha favorito la ripresa post-bellica in Occidente.

Il 31 dicembre 1961 termina il Piano Marshall, che prende il nome dal generale Marshall, segretario di stato americano dal 1947. I fondi erogati tra il 1948 e il 1952 ai paesi occidentali ammontano a 13 miliardi di dollari statunitensi; in buona parte utilizzati per acquistare negli Stati uniti beni poi concessi a titolo gratuito agli alleati. Ne hanno beneficiato i paesi maggiormente colpiti dalla seconda guerra mondiale. Il piano aiuta le popolazioni e favorisce la ripresa produttiva. Infatti, nonostante l’intensificarsi della Guerra fredda con il blocco sovietico abbia spinto ad utilizzare molti fondi per sostenere spese militari, al termine del programma  i livelli produttivi dell’Europa occidentale sono superiori del 35% rispetto al periodo prebellico. Nel 1953 Marshall riceve il Premio Nobel per la pace proprio per il contributo da lui dato alla rinascita economica europea.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply