20 anni fa, Caccia: varato il decreto salva-fringuelli

Il 12 settembre 1997 a Roma il Consiglio dei ministri approva un decreto del presidente del Consiglio e del ministro dell’Ambiente che, in linea con la normativa sulla caccia della Ue, limita la possibilità per le Regioni di introdurre deroghe all’elenco delle specie cacciabili. Il governo torna il tal modo sui propri passi, cancellando la decisione assunta il 5 agosto di autorizzare Emilia Romagna, Toscana ed Umbria ad ampliare il numero di specie cacciabili. A questa decisione i Verdi avevano opposto forte resistenza, minacciando l’uscita dal governo in nome della salvezza delle peppole e dei fringuelli.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply